santodithiene

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

La nostra scuola dell'infanzia apre la SEZIONE PRIMAVERA!!!
Se sei interessato e vuoi saperne di più accedi al seguente link e ti daremo tutte le informazioni necessarie:

ISCRIZIONI ALLA SEZIONE PRIMAVERA

LOCANDINA Sezione Primavera

 

Trasmissioni sul canale YouTube   “don MASSIMO TONIOLO”
(Le trasmissione delle Sante Messe in diretta viene fatta come segno di attenzione
verso le persone ammalate o impossibilitate a partecipare fisicamente.)
- ogni domenica (e ogni festa) alle ore 10.00 S. Messa, in diretta
- ogni mattina alle 7.30, nei giorni feriali,  viene trasmessa in diretta una preghiera di 10 minuti sul Vangelo del giorno (“Parlerò al Suo Cuore”).
- ogni giorno:  “Coroncina alla Divina Misericordia”  e  “S. Rosario”
Proposta recita online insieme recita delle lodi ore 8.30 recita di compieta ore 21.00
https://meet.jit.si/stanzadellelodi   puoi aprire la pagina diretta-
mente su Chrome.
NOVITÀ: da martedì 12 gennaio. incontro settimanale sulla Parola ore 21.00 sempre qui online

 

5 x 1000 al Circolo NOI Patronato Rozzampia.
Firma nell’apposito riquadro della denuncia dei redditi e indica il codice fiscale
93010160245


5 x 1000 al Circolo NOI “S. ANTONIO”.

Firma nell’apposito riquadro della denuncia dei redditi e indica il codice fiscale
93008080249

 

 Parroco: Don Massimo Toniolo
  
tel e fax 0445387130

 Collaboratore: Don Renzo Rizzato
                          
cell.393249094158

  Mail:
donmassimotoniolo@gmail.com
          
santodithiene@diocesipadova.it
           giornalesanto@gmail.com
           calendario attività parrocchiali

           Calendario Santo Rozzampia

  
Orario s. Messe prefestivo e Festivo Comunità
Orari Sante Messe Rozzampia
 Sabato: prefestiva ore 19.15 Domenica: ore 8.45 e ore 11.15.
 Le Sante Messe feriali : lunedì ore 8.30; Martedì ore 15.30;
Mercoledì ore 19.00, Giovedì  ore 8.30; Venerdì  ore 19.00.

 Adorazione Eucaristica nella chiesa di Rozzampia
• Ogni giovedì dalle ore 9.15 alle 10.00 (per le vocazioni)
• Ogni terzo venerdì del mese alle ore 19.30

Orari Sante Messe Parrocchia Santo  
 
Sabato: festiva ore 18.00 Domenica: ore 7.45 e ore 10.00
 Le Sante Messe feriali vengono celebrate al martedì alle ore 19.00,
 al mercoledì alle ore 8.30 e  al venerdì alle ore 8.30.

Mensile: Due Comunità unite in cammino

Orari S. Messe Parrocchie di Thiene

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

“Amare i nemici”, perché?     Mt 5, 43-48
Devo interrogarmi se qualcuno mi è diventato nemico perché lo ho ferito o ho fatto qualche cosa di male nei suoi confronti.
Sempre tenere in considerazione questo esame di coscienza e lavorare su me stesso per la mia conversione. Rimane anche l’esistenza del nemico che mi fa del male gratuitamente, senza che ci sia un motivo, come è stato per Gesù, che ha fatto solo il bene eppure è stato odiato, proprio a causa del bene che ha fatto, non del male, che non ha fatto.
Preso atto di questo, mettiamoci davanti a questa Parola: “amate i vostri nemici”.
Ma come potrò arrivare a tanto?
Non è frutto dei miei sforzi, ma avviene solo perché lascio che l’Amore del Padre viva in me, ami in me.
E quindi amarli sarà un voler bene a loro, un aiutarli che nasce dal cuore...
perché stanno male loro, più di me…
perché Gesù sta male in loro.
Amarli sarà un lasciare che l’Amore del Padre, di Gesù e dello Spirito Santo li ami attraverso di me. Sarà come una mano che Dio tende attraverso di me per salvare questi fratelli. Per quanto riguarda me, aver lasciato che l’amore del Padre entri e ami in me, significa che questo amore mi ha già salvato.
“Non ci sono nemici, ci son solo infelici…” dice una canzone.
Non amare qualcuno è pericoloso per noi, anche perché apre la strada alla paura e la paura, se guardiamo alla storia, tante volte ha portato alla guerra e a uccidere colui di cui si ha paura.
Il Padre perché ama sempre e tutti? Perché ha creato ciascuno come un dono e con questo amore ci ricorda che per Lui continuiamo a essere (che lo vogliamo o meno) un dono d’amore.
In concreto amare i nemici significa lasciarsi crocifiggere come ha fatto Gesù.
Che cosa avviene a causa dei nemici? Che l’amore si esprime nella massima manifestazione
È necessario cambiare il cuore. Gesù ci apre a ricevere il cuore del Padre. Dove orientare lo sforzo? Non per aumentare quello che faccio io, ma quello che lascio fare a Dio in me.  Un trapianto di cuore...        Buon cammino.             Don Massimo

Comunicazione alle parrocchie  in merito alla scelta del Sinodo diocesano
Carissime comunità cristiane, il Vangelo di oggi ci sorprende perché in piena Quaresima ci avvolge della luce della Trasfigurazione, luce che mostra già la Pasqua.
Questa luce trasforma e rinnova. Ci suggerisce perciò che è necessario non tanto aggiungere cose nuove da fare, quanto semmai trasfigurare e rinnovare il nostro modo di essere cristiani, in un tempo totalmente inedito come quello attuale.
Oggi, proprio in questo tempo così particolare, comunico che la nostra Chiesa di Padova sceglie di celebrare il Sinodo diocesano.
Cosa è un Sinodo? La parola significa “cammino insieme”. E’ un processo di ascolto, coinvolgimento e partecipazione, dei presbiteri e di tutti i fedeli, per aiutare e consigliare il Vescovo nella guida della comunità cristiana - questo dice il Diritto canonico. E un cammino straordinario, che si inserisce nella vita parrocchiale ordinaria per raccogliere l’opinione di quante più persone possibili che, in ascolto del Vangelo, potranno elaborare indicazioni per un cambiamento della nostra Chiesa diocesana.
Questa scelta è giunta dopo un lungo discernimento - terminato lo scorso ottobre - da parte del Consiglio Pastorale Diocesano e del Consiglio Presbiterale: una scelta maturata con prudenza, ma anche con tanta voglia di capire insieme verso dove andare, verso dove lo Spirito Santo ci chiama.
Cari fratelli e sorelle, vi chiedo di guardare al Sinodo con fiducia: è la possibilità di costruire insieme un sogno per la nostra Chiesa di Padova. Sarà una bella esperienza! La prima tappa di questo cammino si chiama “Indizione del Sinodo” e si terrà domenica 16 maggio pomeriggio, qualora la situazione pandemica lo consenta.
Il Signore Gesù guidi e accompagni la nostra Chiesa di Padova nel “santo viaggio” che andremo ad iniziare.
Claudio Cipolla Vescovo di Padova


UN TEMPO PER CAMBIARE    
     (lettera ai parrocchiani)

Carissimi amici,
in questo tempo di pandemia, con le attività tradizionali forzatamente in pausa, penso siamo chiamati a ripensare la nostra pastorale, a ritrovare la nostra identità di parrocchia, a cercare il volto di comunità, il nome nuovo con cui Dio ci chiama.
Sarebbe sprecare questo tempo se vivessimo solo nell’attesa di riprendere a fare quello che facevamo prima.
Queste cose ormai ce le siamo dette più volte. È ora di fare una proposta concreta.
In quest’ottica si colloca la proposta che ho esposto ai consigli pastorali del Santo (13 gennaio u.s.) e di Rozzampia (14 gennaio u.s.).
Non vuole essere tanto un cambio di metodo, quanto un cambio di mentalità. In sostanza si tratta di prendersi cura dei “piccoli” con la stessa cura con cui Gesù si prende cura di noi.
Osare una strada nuova è sicuramente un rischio; le prime cose che vengono alla mente sono le vecchie sicurezze che perdiamo.
Così come vivevamo prima del covid, eravamo soddisfatti della nostra vita di parrocchia? Quante volte mi sono arrivate queste frasi: “Non sappiamo dove stiamo andando” …. “Siamo sempre quei pochi che siamo disponibili per i servizi necessari alla comunità” … “La Messa non è sentita come centro della Comunità”…  “I giovani adulti, i giovani e i ragazzi li stiamo perdendo”…
C’è stata anche una bellissima immagine che è stata usata per descrivere la situazione: “Abbiamo il mulino, ma manca l’acqua”.
Chiediamoci: Che cos’è l’acqua, che permette di dare vita a tutto e a tutti?
… e perché abbiamo perso l’acqua?
Una proposta concreta

Ci sono degli adulti disponibili a diventare padri e madri nella fede per tanti “piccoli”?
“Piccoli” sono i ragazzi che hanno bisogno di conoscere la paternità e maternità di Dio attraverso la nostra tenerezza e il saper prenderci cura di loro nel nome di Gesù.
“Adulti” sono quelli che, non per età, ma per esperienza, possono dire che Dio si è preso cura di loro e con la sua misericordia li ha fatti rinascere alla vita di figli, che si sentono da Lui amati.
“Paternità e maternità nella fede” significa legami nuovi. Gesù ci insegna che sono più forti di quelli del sangue. È perciò non solo dedicare qualche ora alla settimana come volontariato, ma vivere una relazione di famiglia che non conosce interruzione, è un prendersi a cuore nel nome di Gesù.
Gesù è il fondamento, è l’acqua che fa girare il mulino.
Ci sono dei giovani disponibili a mettersi in gioco per realizzare famiglia con i piccoli e gli adulti, nel nome di Gesù?
Anche i giovani hanno bisogno di sperimentare la tenerezza di Dio; gli adulti, allora, avranno una cura specialissima di loro con l’ascolto delle loro domande, la valorizzazione della loro creatività e del loro entusiasmo, scoprendo insieme a loro come Dio sta scrivendo il Vangelo nella loro vita.
Così alcuni di noi, della nostra comunità, potranno costituire come una famiglia nella fede, a cui saranno affidati un gruppetto di ragazzi: ecco che la famiglia si accresce di nuovi germogli.
Quale percorso faranno?
Cammineranno insieme prendendo davvero come compagno di viaggio Gesù, cercando in Lui, nella sua Parola, la Luce che illumina la vita di tutti i giorni e che apre nuove vie di fraternità per fare della comunità una sola grande famiglia unita, senza l’ansia di dover raggiungere obiettivi prefissati, ma con l’unico obiettivo di incontrare Gesù attraverso le relazioni e le esperienze. In questo cammino si raggiungerà insieme anche il momento di maturazione per ricevere il dono dei sacramenti.

L’Eucaristia domenicale.
Proprio perché non venga a mancare l’acqua per il mulino,  l’eucaristia sarà il centro a cui andare ogni domenica, per ricevere l’acqua per la settimana, per celebrare insieme la gioia di essere stati chiamati a una vita meravigliosa nella comunità, per ringraziare il Padre del dono di Gesù come Pane, Parola, Via e Compagno di cammino.

Fa tristezza pensare a quanti non conoscono ancora che hanno Dio Padre che li ama e in Gesù Cristo li chiama alla pienezza di Vita, una Vita sulla quale la morte non ha alcun potere… quanti ancora non conoscono che hanno una Mamma che Dio ci ha donato per aiutarci a rispondere a questa meravigliosa e impegnativa chiamata alla Vita. Si tratta però di una conoscenza che non si trasmette prima di tutto con le parole, ma con il prendersi a cuore, salendo sulla stessa barca, con lo stesso amore con cui Gesù si è preso a cuore noi. Ecco il motivo di questa proposta. È una chiamata. Sentiamo che le parole di Gesù rivolte ai pescatori di Galilea: “Venite dietro a me, vi farò diventare pescatori di uomini”, risuonano anche oggi per noi nella nostra comunità.

Sicuramente non posso pensare che tutto quanto sopra esposto sia chiaro.
Per questo invito giovani e adulti desiderosi di mettersi in gioco e a servizio della comunità a partecipare a un incontro illustrativo di questa proposta.
L’appuntamento è per giovedì 11 febbraio ore 20.30 in chiesa al Santo.

Vi aspetto.          Don Massimo

CARITAS
Il gruppo Caritas desidera ringraziare le nostre comunità che generosamente hanno aderito al progetto BUONI SPESA.
Al 31.12.2020 sono stati offerti a persone e famiglie in difficoltà  €1.186,00, in buoni spesa ed altri aiuti (farmaci, materiale scolastico ecc..)
GRAZIE A TUTTI!

RIPRENDE LA RACCOLTA VIVERI.
Necessitano in particolare: olio, latte, riso, tonno, prodotti per l'igiene personale. GRAZIE!


CONFESSIONI:
Don Massimo:ogni sabato dalle ore 17:00 alle ore 17:45 in Canonica Santo
Don Renzo: sarà a disposizione dell e confessioni: ogni Venerdì e Sabato dalle ore 17:00 alle 19:00 presso Canonica  Rozzampia


CENTRO DI ASCOLTO  Tel. 324 909 41 58     Ogni venerdì e sabato dalle 17.30 alle 19.00 presso la canonica di Rozzampia Don Renzo si mette a disposizione di tutte le persone che desiderano incontrarlo sia per le confessioni e sia anche per un dialogo o per una eventuale richiesta di aiuto.

 
 


Aiuta la parrocchia: è come casa tua
Le nostre parrocchie in questo periodo stanno subendo delle difficoltà economiche di non poca importanza.
La mancanza degli introiti provenienti dalle feste patronali ed anche dalla diminuzione di offerte dei fedeli, stanno gravando pesantemente sul bilancio di quest’anno..Pensiamo alla scuola d’infanzia, ai costi di riscaldamento e dell’energia elettrica e alle tante altre spese per la manutenzione ordinaria delle parrocchie.
Facciamo quindi appello a coloro che possono, di darci un aiuto che permetta di affrontare le spese quotidiane. Si può farlo con l’offerta domenicale un po' più generosa, oppure rivolgendosi direttamente al parroco.

 
 

Consigli Pastorali  delle Parrocchie di   Rozzampia e Santo
Gruppo Caritas
Accendi la Carità nella tua  Parrocchia


“NOI TUTTI NON POSSIAMO RIMANERE INDIFFERENTI
AL BISOGNO DI CHI CI STA VICINO …
SIAMO CHIAMATI A PORTARE CONFORTO
CON ATTEGGIAMENTO MITE ED UMILE” . (Papa Francesco)


In questo difficile momento legato all’emergenza COVID-19,
LE NOSTRE PARROCCHIE RACCOLGONO OFFERTE PER CREARE
BUONI SPESA DA DONARE A PERSONE E FAMIGLIE IN DIFFICOLTA’.
Le offerte possono essere donate secondo due diverse modalità :
-
tramite versamento c/c bancario IBAN IT51K0880760790007008060185
intestato PARROCCHIA S.ANTONIO DA PADOVA causale BUONI SPESA.
-
con offerta in BUSTA CHIUSA da mettere nei contenitori per offerte nelle nostre chiese di Santo e Rozzampia, scrivendo sulla busta BUONI SPESA.

GRAZIE PER IL TUO CONTRIBUTO !
Domenica 17 maggio 2020

 
 
 
 
 
 

facebook della scuola dell'Infanzia di Santo

https://www.facebook.com/scuolainfanziasantothiene

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu